I Resti Mortali di Padre Felice Prinetti, Fondatore dell’Istituto delle Figlie di San Giuseppe sono tornati a Genoni, nella Casa Madre.

I Resti Mortali di Padre Felice Prinetti, Fondatore dell’Istituto delle Figlie di San Giuseppe sono tornati a Genoni, nella Casa Madre.

I Resti Mortali di Padre Felice Prinetti,          Fondatore dell’Istituto     delle Figlie di San Giuseppe sono tornati a Genoni,     nella Casa Madre.

 

La realizzazione di un sogno

Sì, possiamo parlare di un sogno perché il desiderio di avere nell’Istituto il Venerabile Fondatore è sempre esistito. È esistito nel nostro amato Fondatore dal giorno in cui, chiuso il suo servizio, come segretario dell’arcivescovo nella diocesi di Cagliari, in obbedienza ai suoi superiori, è rientrato nella penisola, e dal quel momento ha vissuto la sofferenza della lontananza, espressa con accenti accorati soprattutto nella corrispondenza con Madre Eugenia e la Comunità. Una frase ricorrente è questa: “Il mio cuore è sempre in mezzo a voi”.

Si era allontanato fisicamente ma il suo cuore era rimasto a Genoni, per la condivisione a distanza, di tutto quello che le suore vivevano di bene e di male, di gioie comunitarie e di persecuzioni esterne, con il sostegno costante della sua parola che le aiutasse ad entrare nel mistero pasquale di Cristo per viverlo in tutte le sue dimensioni, compresa la croce, come segno di predilezione del crocifisso e via al cielo.

Con la Casa Madre nel cuore

La nostalgia della Comunità di Genoni in lui è costante e la esprime con accenti di gioia quando si presenta l’occasione di poter tornare e scrive: “Aspetto con pazienza, di poter venire, come spero, ai primi di maggio”; (Lett. Pag. 1449); “Spero di essere presto con voi, vogliatevi bene.” (Lett. Pag. 46) “Brucio dal desiderio di vedervi, visitare insieme con voi Gesù, cantar le lodi alla Madonna e a San Giuseppe, guarirvi e lasciarvi allegre e contente”. (Lett. pag. 31).

Da Torino scrive: “Torino è bella ma il mio cuore è là, e mi domando: e il mio caro Cau? E suor Eugenia? E suor…? suor…? suor…? Ma poi riposo nel pensiero che Gesù ci tiene uniti nel suo cuore per amore di San Giuseppe e della Madonna che ci ha dato Egli per Mamma. Vogliatevi bene figlie mie e la Comunità sarà l’anticamera del paradiso” (Lett.pag.148).

Il legame con le sue figlie è tanto forte che in nessun modo si può allentare: “Siete sempre nella mente, nel cuore, nelle mie preghiere”. (Lett.pag.73); “Benché lontano passerò il Natale in mezzo a voi”. (Lett. Pag. 27)

Vorrei le ali per venire a trovarvi” (Lett.pag.94). “Penso sempre a voi e prego sempre Gesù, Maria SS.ma e San Giuseppe che custodiscano e vi facciano buone e sante” (Lett. pag. 99)

Quando riesce ad arrivare a Genoni il suo cuore è pieno di gioia: “Papà farà festa celebrando la prima santa messa di Natale con voi.” (Lett. pag. 157) In occasione della Pasqua scrive: “Papà verrà a cantare l’alleluia con voi, a Dio piacendo, perché così l’allegrezza sia piena”. (Lett. pag.172)

Penso che anche il rientro definitivo dei suoi Resti Mortali nell’amata Comunità di Genoni, sia per Lui motivo di allegrezza piena perché risponde a un suo desiderio coltivato per tutta la vita, mantenuto nell’eternità, ma con la certezza che quel giorno sarebbe arrivato, esattamente il 19 marzo 2019.

Così anche le sue Figlie a Casa Madre possono vivere l’allegrezza piena dell’abbraccio del Padre che non ha mai smesso di amarle, di pensare e di pregare per loro.

Genoni - Arrivo dell’urna all’ingresso del paese.
Ad attenderla l’Arcivescovo di Oristano Mons. Ignazio Sanna, il sindaco Dr. Roberto Soddu, Madre Maria Luciana, le Figlie di San Giuseppe e numerosissimi fedeli.
L’urna con le spoglie mortali di P. Prinetti nella chiesa parrocchiale
Celebrazione Eucaristica presieduta da Mons. Ignazio Sanna, Arcivescovo di Oristano. Concelebrano Mons. Mauro Morfino, Vescovo di Alghero-Bosa, Mons. Paolo Atzei, Arcivescovo emerito di Sassari.
Dopo la Celebrazione Eucaristica le spoglie di Padre Prinetti vengano accompagnate processionalmente alla Casa Madre.
Cappella di Casa Madre dove riposano i resti mortali del Ven.le Padre Felice Prinetti
fsg